L’architrave del ddl Zan. L’imbroglio del transumano base dell’«identità di genere»

A volte bisogno alzare la voce senza paura delle conseguenze. Nessun cittadino maturo, cattolico o no, desidera che in omosessuale venga discriminato, umiliato, emarginato. E se dovesse servire una legge ad hoc per difendere i diritti umani della persona omosessuale, ben venga. Questo non è il caso del DDL Zan, dove la lotta all’omofobia appare solo uno strumento che si sovrappone al una costituzione e a una legislazione che in Italia protegge già tutti i cittadini, non per il loro credo o il loro orientamento sessuale ma in quanto persone. Senza se e senza ma.

La cancellazione della differenza sessuale consegna al mercato un individuo perfettamente neutro, soggetto fluido, precario assoluto. Perfino nel suo corpo.

Leggi l’articolo QUI

Articolo creato 91

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi