La cacciata dei mercanti dal Tempio. L’altra faccia della profanazione di Dio e della coscienza umana

Nell’approssimarsi della Pasqua ritorna puntuale l’episodio della cacciata dei mercanti dal Tempio da parete di Gesù.

Non è solo una questione di profanazione del sacro. Non è solo una questione di denaro e di sfruttamento del sacro per fini di guadagno.

In ogni angolo del cuore umano, di ogni uomo, anche di chi non crede, vi è sempre la tentazione nascosta di pensare di poter mercanteggiare la propria salvezza, comunque la si concepisca – mondana o ultraterrena – o con una promessa o con l’offerta di denaro o con uno scambio di favori… O altro ancora.

Poi ci sono coloro che si chiamano atei solo perché evitano, in blocco, il prezzo della responsabilità di dare un senso positivo a questa vita e sentirsi responsabili degli altri. Anche loro sono mercanti dal sacro. Hanno barattato Dio per non portarne la responsabilità.

A questi finti atei sono da preferire quelli che lo sono perché onestamente convinti, nella loro coscienza, che Dio non esista.

Ricostruzione della sezione del Tempio all’interno della spianata
Articolo creato 119

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi