Stadi vuoti e rabbia in campo. Il calcio che vorremmo, anche per i nostri figli.

I nostri stadi sono vuoti per la pandemia. I microfoni e le telecamere colgono, invece, ogni parola pronunciata dati giocatori.

Il quadro che ne viene fuori non è edificante. Bestemmie, insulti razzisti, maleducazione fra i giocatori in campo. Tutti gli ingredienti dell’odio sociale.

I nostri ragazzi incollati alla TV sentono tutto, forse, nell’indifferenza dei padri che fanno lo stesso appena la squadra del cuore subisce un calcio di punizione. Forse non tutti. Ci saranno pure molti padri preoccupati a non delegare in bianco a uno schermo (TV, telefono, tablet) l’educazione dei loro figli.

Intanto, cosa è diventato il calcio? È ancora uno sport, un business, un canale di sfogo della rabbia sociale?

Domanda aperta….

Buffon deferito al Tribunale Federale, dopo aver bestemmiato nel corso della gara Parma-Juventus del 19/12/2020
Articolo creato 91

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi