Il ministro e le guerre puniche. L’esempio sbagliato per un richiamo giusto

…….

Il comandante romano parlò all’esercito riunito: «Il nemico metterà in prima fila animali enormi, che noi non abbiamo. Se vi fermate a combattere quegli animali, perderete e morirete. Perciò lasciateli passare. Voi correte dietro. Dietro c’è la fanteria: combattete quella». Così fecero i soldati, e fu una vittoria. Il nostro professore commentava: «Se il comandante romano non avesse avuto quell’idea, noi qui, oggi, parleremmo arabo». E il mezzo mondo che oggi parla lingue neo-latine parlerebbe lingue neo-arabe. Ministro, non le sembra un fatto rilevante? da studiare tre volte nei tre ordini delle nostre scuole? A volte mi fermo, quando scrivo o leggo un libro, e penso a cosa ne sarebbe di me, se pensassi e scrivessi in arabo o giù di lì. Non significa che penserei e scriverei migliore, ma che sarei diverso, in tutto, nel mio conscio e nel mio inconscio, anche nei miei sogni, visto che Lacan dice che «il sogno è strutturato come un linguaggio».

Ciò detto, resta vero che dovremmo insegnare di più la cultura tecnica. 

Leggi l’articolo intero (fonte) QUI.

Articolo creato 161

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi